L’autopubblicazione, prima scelta per l’autore

Il mio nome è Isac Randazzo. La mia vita da scrittore è iniziata alcuni anni fa con la condivisione di alcuni pensieri, ben presto divenuti popolari sul web. Fin da piccolo, ho sempre avuto una mente pensante. Così, un bel giorno, ho deciso di dare libero sfogo alle mie riflessioni personali. La scrittura, assieme alla lettura, rappresenta a mio avviso il mezzo migliore per la conoscenza di sé stessi, ed è il più maestoso strumento di libertà che la vita ci possa offrire. È questo, essenzialmente, il motivo per cui ho scelto Youcanprint: non di certo per un ripiego. Anzi, ho ricevuto parecchie proposte editoriali, anche abbastanza serie. Ma il self-publishing mi fa sentire realmente libero. Posso, finalmente, pubblicare innanzitutto per me stesso. Il lettore sarà poi altrettanto libero di scegliermi. Io ho espressamente rifiutato l’idea di diventare un rappresentante dei miei libri. Devono essere, viceversa, quest’ultimi a rappresentare me stesso. Non accetto di trasformare le mie opere, la mia vita in un mero oggetto di mercificazione. Personalmente, ho scelto la strada dell’autopubblicazione perché la ritengo una valida alternativa all’editoria tradizionale: una scelta che lascia liberi autori e lettori, dandogli la possibilità di fuoriuscire dai classici limiti di forma che tradizionalmente, per un motivo o per un altro, ci vengono imposti. Inoltre, credo che il self-publishing si possa considerare anche un ottimo trampolino di lancio verso case editrici che vogliano realmente puntare sulla persona. In ogni caso, rimane un ottimo strumento per farsi conoscere. O, almeno, noi autori la porta la lasciamo socchiusa. Resta al lettore la possibilità di entrare a far parte del nostro mondo fondato sulla pura condivisione. D’altronde chi meglio di lui può giudicare la qualità dei nostri scritti? Un ultimo spunto di riflessione che vorrei aggiungere è il seguente: talvolta, self-publishing e case editrici partono dallo stesso presupposto, vale a dire “l’autopromozione”. Con la differenza che gli editori spesso ti impongono una piena mobilitazione, mentre siti come youcanprint ti permettono di gestire come meglio credi le tue opere. È per questi motivi che, attualmente, l’autopubblicazione rappresenta per me una prima scelta. Isac Randazzo, dottore in Giurisprudenza, ha pubblicato con Youcanprint:

Un avvocato sognatore 20131204-123921.jpg

Fantasmi di Satana

La fotografia della felicità

L’aforismario della felicità

Advertisements

555 – Il convento del terrore

555 - Il convento del terrore

Tuam, 6 ottobre 1925

L’Irlanda del Nord era in piena lotta per l’indipendenza dal Regno Unito. E i combattimenti non avevano solo una matrice politica, ma anche religiosa: cattolici e protestanti si contendevano “il potere temporale”, strettamente legato a interessi espansionistici.
Nel frattempo, in Germania nasceva il partito Nazionalsocialista, che rilasciò a Hitler la tessera n°555. Infatti, egli era il 55esimo iscritto (il DAP aveva iniziato le iscrizioni dalla tessera n°501).
Mentre la storia faceva il proprio corso, il 6 ottobre a Tuam fu fondato un istituto di suore che ospitava madri non sposate e figli che venivano considerati illegittimi.
In un contesto molto difficile, “ragazze madri” e bambini iniziarono a rifugiarsi nel convento. Ivi, pensavano di trovare un posto sicuro e accogliente. Niente poteva lasciare immaginare che le “sorelle” avrebbero condannato a morte i rifugiati.
Madri e figli venivano segregati in stanze separate o, per meglio dire, in celle.
Tra il 1925 ed il 1961, tante vittime finirono nel dimenticatoio. La loro speranza si trasformò in una lenta, e sofferta, morte.

Una vita di prigionia, cominciata durante la Seconda Guerra Mondiale.
Dopo sei mesi di schiavitù in un convento nazista, a Tuam (Iralanda del Nord), la protagonista viene rinchiusa in un manicomio.
Soltanto nel 2014, un giornalista scopre l’esistenza di fosse comuni all’interno dell’istituto.
Intanto, a distanza di settant’anni, i fantasmi del passato tornano a cercare la donna, mentre nell’opinione pubblica circola la voce che Hitler sia ancora vivo. Si sospetta che abbia stipulato un patto col diavolo, nell’attesa della Terza Guerra Mondiale.

In esclusiva “Amazon”.

http://www.amazon.it/555-Il-convento-del-terrore-ebook/dp/B00KU61FC6/ref=sr_1_11?ie=UTF8&qid=1402154292&sr=8-11&keywords=isac+randazzo

Fantasmi di Satana

Fantasmi di Satana

“Fantasmi di Satana” costituisce una saga, composta da due episodi: “Una ragazza paranormale” e “Il diavolo della porta accanto”.

Un giovane scrittore, appassionato di vicende paranormali, scopre di essere il protagonista di una storia che sta terrificando la propria città: la sua casa sarà, ben presto, infestata da fantasmi e spiriti demoniaci.
Gli episodi oscuri non sono mai casuali. Il diavolo vuole il suo riscatto, e si farà trovare dietro la porta.
Ben presto, il protagonista scoprirà un mondo governato dalle forze del male.

Una ragazza paranormale

“Mettetevi in testa che, anche se riusciremo a cacciare il demonio, non è detto che non tornerà; egli potrebbe tornare a prendervi in qualunque momento. Anche se non lo riusciamo a vedere, satana è sempre dietro di noi, ed è pronto a colpirci nei momenti più impensabili. Il diavolo si può nascondere in qualunque persona, può assumere qualunque volto e può ingannarci in diversi modi”. copertina

Presentazione “Bipolare in cerca d’amore” e “Il piccione viaggiatore”, Feltrinelli Point Messina

Io ho sette vite:

quella che mi attribuiscono gli altri;

quella che confondo con la mia vita;

quella delle delusioni;

quella dei successi;

quella delle sconfitte;

quella in cui mi sento morto;

infine, la vita vera, quella che mi vede risorgere per sei volte e mi fa capire che, in fondo, tutte quelle cadute mi fanno sentire ancora più vivo.

Isac Randazzo

Presentazione “Bipolare in cerca d’amore”, presso Feltrinelli Point Messina

[Liberamente ispirato da una storia vera]

Franco, il protagonista del racconto, era un uomo di 40 anni che fin dall’infanzia aveva vissuto una vita difficile. Nonostante tutte le avversità, Franco incontra la donna della sua vita, Katia, con la quale avrà due figli. La vita del protagonista, però, continuerà ad essere travagliata e, soprattutto, tormentata da una sua personalità particolarmente sensibile.
Franco, nonostante una vita ormai apparentemente perfetta, cadrà in preda all’alcol, e si distruggerà l’esistenza. Ma uno speciale incontro cambierà per lui il corso degli eventi…

https://www.facebook.com/events/631815143547052/?fref=ts

 

1522306_477280525726843_31535064_n